Web ufficiale del turismo di Formentera

Esplorare

Gastronomia

Gastronomia tradizionale, prodotti autoctoni, vino locale e una ricchezza di sapori

La cucina tipica di Formentera è strettamente legata al modo di vivere tradizionale, caratterizzato soprattutto dal rapporto con il mare e dalla diffusione dell’aridocoltura. Presenta una dipendenza quasi assoluta dai prodotti autoctoni, condizionata dall’isolamento delle Isole Pitiuse. Questa carenza di prodotti, unita alla creatività e all’uso di ingredienti di alta qualità (come il pesce), dà origine a ricette tradizionali come: l’insalata payesa (con pesce essiccato), il frit de polp (polpo fritto), il sofrit pagès (con carne e patate), i calamars a la bruta (frittura di calamari al nero) e il bullit de peix (stufato di pesce con patate). I dolci e dessert più caratteristici sono il flaó (torta al formaggio fresco con mentuccia), le orelletes (dolce all’anice) e la greixonera (budino di pane alla cannella).

Prodotti nativi

Di seguito si riporta una breve descrizione dei prodotti locali di alta qualità.

Una delle specialità più tipiche è il peix sec (pesce essiccato). A Formentera i pescatori usavano essiccare il pesce per utilizzarlo e mangiarlo tutto l’anno. Oggigiorno questo alimento è ormai diventato un’attrazione gastronomica dell’isola e ha ottenuto il riconoscimento «Arca del gusto», concesso dall’organizzazione internazionale Slow food. È l’ingrediente principale dell’insalata payesa, un piatto che si può assaggiare in molti ristoranti dell’isola. Ulteriori informazioni su www.peixsec.com.

Un altro prodotto di rilievo è il sale liquido di Formentera, un sale naturale di mare, senza additivi di colore e sapore. La sua alta qualità è dovuta principalmente alla potente azione filtrante, ossigenante e mineralizzante svolta dall’acqua di mare e, allo stesso tempo, all’effetto della Posidonia Oceanica della Riserva Marina.

Il miele è un prodotto autoctono, che deve la sua eccellente qualità alla flora dei terreni non irrigati e all’assenza di prodotti chimici. A seconda della stagione viene elaborato con rosmarino o frígola (timo).

I fichi secchi sono stati per molto tempo uno dei prodotti di base delle dispense del luogo e oggigiorno sono molto apprezzati per il loro sapore intenso, esaltato dall’anice e dall’alloro con cui vengono aromatizzati nel corso del processo produttivo. Accompagnati da formaggio e mandorle risultano un ottimo dessert.

Il formaggio fresco di Formentera è generalmente misto (caprino e ovino) e segue le fasi della produzione tradizionale, dato che viene prodotto per l’autoconsumo.

Il bescuit è il pane infornato a lungo, procedimento che gli conferisce una consistenza simile a quella del pane tostato, per cui si deve bagnare prima di consumarlo. È uno degli ingredienti più peculiari dell’insalata payesa.

Il liquore alle erbe si vende soprattutto a Ibiza, ma in molte case e ristoranti di Formentera si produce un liquore alle erbe casereccio, utilizzando le numerose erbe aromatiche che crescono sull’isola. Il più caratteristico è quello elaborato con la frígola (timo).

Accedete al ricettario dei piatti tradizionali e a ulteriori informazioni nel catalogo della Gastronomia.

Peix sec
Sal natural

Vino di Formentera

Formentera vanta una lunga tradizione vitivinicola da tempi immemorabili e sono presenti quasi 80 ettari di vigneti. I vini dell’isola sono molto apprezzati, perché il fusto delle viti è nella maggior parte dei casi non innestato, cioè, non si utilizza il fusto innestato al rizoma americano come in gran parte dell’Europa. Ciò è dovuto al fatto che la piaga di fillossera, che nella seconda metà del XIX secolo distrusse i vigneti con fusti europei, non colpì i vigneti di Formentera, anche grazie all’isolamento geografico. Anche in molte case si produce il tradizionale “vi pagès” (vino contadino), generalmente destinato all’autoconsumo.

A Formentera ci sono due cantine: Terramoll ed Es Cap de Barbaria. Tutti i loro vini possiedono qualità eccezionali, grazie all’enorme accuratezza con cui vengono coltivate le viti e all’attenzione minuziosa durante tutto il processo di vinificazione. Entrambe le cantine organizzano visite guidate e informative; ulteriori informazioni su www.terramoll.es e su www.capdebarbaria.com.

La cucina di oggi

Oltre alla cucina tradizionale, caratterizzata dalla natura marittima dell’isola, l’afflusso turistico ha sviluppato negli ultimi anni un notevole settore della ristorazione. Formentera offre una vasta gamma di ristoranti: dalla cucina d’autore ai piatti tradizionali, preparati in modo originale o reinterpretati in chiave moderna, così come la gastronomia tipica importata da altre parti del mondo, come il Giappone, l’Italia e l’Argentina.

Nel 2014 il firmamento gastronomico delle Isole Baleari si è visto assegnare una nuova stella Michelin, la prima per la ristorazione di Formentera. Il ristorante Can Dani (carretera de la Mola, 8,5 km) ha ottenuto questo riconoscimento per la sua cucina grazie all’impiego di eccellenti prodotti locali di qualità.

Qui troverete un elenco dei ristoranti dell’isola.

Fine settimana gastronomici

Durante le prime due settimane di maggio e di ottobre si svolgono i Fine Settimana Gastronomici. Nel corso dei primi due fine settimana (dal venerdì alla domenica) i migliori ristoranti dell’isola offrono menù tradizionali a un prezzo fisso di 20 euro. Questi menu sono pensati appositamente per l’occasione, con delle reinterpretazioni della cucina tipica e proposte innovative a un prezzo molto conveniente.

Eventi a Formentera